RSS

Archivi categoria: Brevi Riflessioni

Grazia abbondante

Grazia abbondante

La legge poi è intervenuta a moltiplicare la trasgressione; ma dove il peccato è abbondato, la grazia è sovrabbondata, affinché, come il peccato regnò mediante la morte, cosí pure la grazia regni mediante la giustizia a vita eterna, per mezzo di Gesú Cristo, nostro Signore. (Rom 5:20-21).  Non importa che tipo di persone siamo state, quello che veramente importa è che abbiamo un Padre il quale, per mezzo di Gesú, ci vuole far capire quanto ci ama e quanto di meraviglioso ha per ognuno di noi, anche e soprattutto nei momenti di prova. la misericordia divina e’ senza limiti: Dio e’padre. La carita’ e’ morte a ogni forma di orgoglio e l’umilta’ e’ guardare a Dio e riconoscere la propria nullita’. Dobbiamo riconoscere che  Il Vangelo non ha sensi riposti: e’ semplice e umile come Gesu’: da questo si capisce che e’ Santo,  anche la mitezza e’ piegarsi a Dio negli altri. Non sottovalutiamo La prudenza, essa e’ un non tentare Dio. Anche la misericordia con il prossimo e’ l’unico mezzo per avere noi misericordia da Dio. Se riconosciamo questo, disprezzato quello che eravamo senza Dio e apprezziamo quello che siamo con Lui.

Annunci
 
Commenti disabilitati su Grazia abbondante

Pubblicato da su 20/01/2015 in Brevi Riflessioni

 

Puoi guarirmi

“Puoi guarirmi!”     
          Mar.1:40-45. 

Non devi mancare di fiducia in Dio, né mancare di speranza nella sua misericordia; non voglio che dubiti o che disperi di poter diventare migliore. Poiché, anche se satana ha potuto precipitarti dalle altezze della virtù agli abissi del male, molto di più Dio potrà richiamarti alla sommità del bene e non solo riportarti allo stato prima della caduta, ma renderti molto più felice di prima. Non perderti di coraggio, e non chiudere gli occhi alla speranza del bene, per paura che ti succeda quanto avviene a chi non ama Dio; poiché non è il gran numero dei peccati che porta l’anima alla disperazione, ma il disprezzo di Dio. “E’ degli empi, dice: disperare della salvezza e disprezzarla, quando sono caduti nell’abisso del peccato” (Pr 18,3).Ogni pensiero che ci toglie la speranza di conversione viene dunque da una mancanza di fede: come una pesante pietra al collo, ci obbliga a guardare sempre in basso, verso la terra e non ci permette di alzare gli occhi verso il Signore. Ma chi ha un cuore coraggioso e uno spirito illuminato sa liberarsi da tale detestabile peso. “Ecco, come gli occhi dei servi alla mano dei loro padroni; come gli occhi della schiava, alla mano della sua padrona, così i nostri occhi sono rivolti al Signore nostro Dio, finché abbia pietà di noi”.

 
Commenti disabilitati su Puoi guarirmi

Pubblicato da su 20/01/2015 in Brevi Riflessioni

 

L’INGENUO CREDE A TUTTO

L’ingenuo crede a tutto quel che si dice, ma l’uomo prudente fa attenzione ai suoi passi.”

Proverbi 14:15

Per non essere ingenui, di ciò che viene detto bisogna assicurarsi:

  • Dei sentimenti che sono dietro le parole: ad Eva le parole di Satana (“Il serpente disse alla donna: «No, non morirete affatto; ma Dio sa che nel giorno che ne mangerete, i vostri occhi si apriranno e sarete come Dio, avendo la conoscenza del bene e del male».” Genesi 3:4-5)
  • dovettero risultare più dolci del divieto del Signore (“Dio il SIGNORE ordinò all’uomo: «Mangia pure da ogni albero del giardino, ma dell’albero della conoscenza del bene e del male non ne mangiare; perché nel giorno che tu ne mangerai, certamente morirai».” Genesi 2:16-17),
  • ma non tenne conto che dietro le prime vi era l’invidia e l’odio verso coloro che erano stati creati ad immagine di Dio;
  • Dello scopo che sta dietro le parole: Sansone non tenne conto che le parole di Dalila avevano lo scopo di ridurlo in schiavitù,Dalila dunque disse a Sansone: «Dimmi, ti prego, da dove viene la tua gran forza e in che modo ti si potrebbe legare per domarti».” Giudici 16:6
  • Della storia di colui che pronuncia le parole:La sentinella disse: «Il modo di correre del primo mi pare quello di Aimaas, figlio di Sadoc Il re disse: «È un uomo onesto e viene a portare buone notizie»” 2Samuele 18:27. Come non crederemmo a Gesù, Colui cheè andato dappertutto facendo del bene e guarendo tutti quelli che erano sotto il potere del diavolo”? At 10:38
  • Dell’affidabilità delle parole pronunciate: le parole acquistano valore diverso a seconda della potenza di colui che le pronuncia. Dio è onnipotente, onnisciente e amorevole e può pienamente mettere in atto la Sua Parola, controllare ogni circostanza e farci del bene (“Non lo sai tu? Non l’hai mai udito? Il SIGNORE è Dio eterno, il creatore degli estremi confini della terra; egli non si affatica e non si stanca; la sua intelligenza è imperscrutabile. Egli dà forza allo stanco e accresce il vigore a colui che è spossato.” Isaia 40:28-29)
  • Dell’essenza piuttosto che dell’apparenza delle parole pronunciate: “le cose che si vedono sono per un tempo, ma quelle che non si vedono sono eterne 2 Corinzi 4:18.Egli fece ancora un altro sogno e lo raccontò ai suoi fratelli, dicendo: «Ho fatto un altro sogno! Il sole, la luna e undici stelle si inchinavano davanti a me».
  • Egli lo raccontò a suo padre e ai suoi fratelli; suo padre lo sgridò e gli disse: «Che significa questo sogno che hai fatto? Dovremo dunque io, tua madre e i tuoi fratelli venire a inchinarci fino a terra davanti a te?»” Genesi 37:9-10: dopo tredici anni il Signore adempì a favore di Giuseppe quanto promessogli manifestando che gli ingenui erano i suoi fratelli.
 
Commenti disabilitati su L’INGENUO CREDE A TUTTO

Pubblicato da su 14/02/2011 in Brevi Riflessioni

 

ECCO ALTRI PROVERBI DI SALUMONE

Ecco altri proverbi di Salomone, raccolti dalla gente di Ezechia, re di Giuda Proverbi 25:1-11

Questa raccolta, che completò con quattro ulteriori capitoli il libro dei Proverbi, venne raccolta dalla gente del Re, e non da altri, perchè questi dimoravano nella casa del Re, perchè avevano il privilegio di godere delle benedizioni del Re, perché ricercavano una misura traboccante di queste benedizioni (e la ricercarono nella Parola, tanto da aggiungere ai 24 capitoli altri 4) e perchè agirono in comunione (si parla di gente, proprio perchè si rendevano conto che nessuno, da solo, avrebbe potuto portare a termine il compito).

L’importanza della comunione nella ricerca del Signore e nella Sua Parola venne riconosciuta da:

  • Pietro: che pregò insieme agli altri 120 fratelli nell’alto solaio nell’attesa del battesimo nello Spirito Santo;
  • Paolo: che compì il suo primo viaggio missionario con Barnaba e quando con questi ebbe un diverbio scelse come suoi compagni Sila e Timoteo.

Nella Parola è scritto: “Ora a ciascuno è data la manifestazione dello Spirito per il bene comune” I Corinzi 12:7. I carismi dello Spirito sono distribuiti nella Chiesa per l’utile comune e non per il capriccio dei singoli. E’ nella comunione e nel pari consentimento che lo Spirito opera.

 
Commenti disabilitati su ECCO ALTRI PROVERBI DI SALUMONE

Pubblicato da su 12/02/2011 in Brevi Riflessioni

 

PRUDENZA

PRUDENZA

Or Iocanan, figlio di Carea, e tutti i capi degli uomini armati, che erano per la campagna, andarono da Ghedalia a Mispa, e gli dissero: «Sai tu che Baalis, re degli Ammoniti, ha mandato Ismael, figlio di Netania, per toglierti la vita?» Ma Ghedalia, figlio di Aicam, non credette loro. Geremia 40:6-41:3

Qusto passo ci parla della prudenza. Ghedalia, pur essendo un uomo dabbene in quanto aveva a cuore le sorti del popolo, doveva mostrare prudenza e dare ascolto alla voce di Iocanan e degli altri, sia perchè erano venuti apposta per avvertirlo (il Signore non lascia mai gli uomini senza la Sua Parola) e sia perchè erano uomini di guerra (quindi esperti nel genere di cose che gli annunciavano).

La Parola di Dio ci parla di prudenza:

  • Nei rapporti con quelli del mondo e nell’annunzio dell’Evangelo:Ecco, io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe.” Matteo 10:16
  • Nel servizio al Signore: Qual è mai il servo fedele e prudente che il padrone ha costituito sui domestici per dare loro il vitto a suo tempo? Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà così occupato!” Matteo 24:45-46
  • Nell’attesa del ritorno del Signore:Allora il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini le quali, prese le loro lampade, uscirono a incontrare lo sposo. Cinque di loro erano stolte e cinque avvedute; le stolte, nel prendere le loro lampade, non avevano preso con sé dell’olio; mentre le avvedute, insieme con le loro lampade, avevano preso dell’olio nei vasi.” Matteo 25:1-4

 *

  •  
 
Commenti disabilitati su PRUDENZA

Pubblicato da su 09/02/2011 in Brevi Riflessioni

 

SE NON AVETE FEDE..,

Se voi non avete fede, certo, non potrete sussistere” (Isaia 7:9).

La storia che dà sfondo al testo è triste: il re di Siria fece tremare il cuore del re di Giuda, ma Dio tramite il profeta rassicura Acaz, dicendogli:“Guarda di startene calmo… e non ti si avvilisca il cuore…” (v.4). Poi conclude: “Se voi non avete fede certo non potrete sussistere” (v.9).

  • Siamo resi stabili perché crediamo nella Parola di Dio.

I cristiani sono conosciuti anche come “credenti”: quelli che hanno fede per credere. Usiamo anche la parola “fedeli”: coloro che hanno fede, e rimangono fedeli.

  • Siamo resi stabili perché crediamo nelle promesse di Dio.  Solo due uomini, Giosuè e Caleb  :“Se il Signore è con noi possederemo questa terra”. (Num.14:24).
  • Siamo resi stabili perché crediamo in Cristo Gesù, il figlio di Dio Gesù a Nazareth non poté fare  alcun miracolo, anche se era cresciuto lì. Non perché non ci fossero malati o disagi in quella città, ma perché gli abitanti di Nazareth non credevano. Nazareth ha perduto l’opportunità della storia, rigettando il Figlio di Dio.
  • Siamo resi stabili perché siamola chiesa del Signore “Io… edificherò la mia Chiesa, e le porte dell’Ades non la potranno vincere” (Mat.16:18).

Rimanere in vita ed essere stabiliti. Abbiamo fede in Lui, perché “se voi non avete fede, certo non potrete sussistere”

*

 
Commenti disabilitati su SE NON AVETE FEDE..,

Pubblicato da su 09/02/2011 in Brevi Riflessioni

 

L’AMORE DI UN VERO AMICO

L’amore di un vero amico
Giov.15:9 – 15

Che cosa mette in evidenza, in questo testo, Gesù? Che l’amore-amicizia sta alla base di ogni cosa.

1. L’amore nel cuore stesso di Dio. “Come il Padre ha amato me, così io ho amato voi; dimorate nel mio amore” (9).

2. L’amore come atmosfera “Se osservate i miei comandamenti,dimorerete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e dimoro nel suo amore” (10).

3. L’amore come fonte di gioia vera. “Vi ho detto queste cose, affinché la mia gioia dimori in voi e la vostra gioia sia piena” (11).

4. L’amore come progetto “Come il Padre ha amato me,così io ho amato voi; dimorate nel mio amore … Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io ho amato voi” (9,12).

Conclusione

Che il Signore Iddio vi dia di comprendere e di vivere l’amore di Cristo, o, come si esprime una preghiera apostolica: “…affinché, radicati e fondati nell’amore, possiate comprendere con tutti i santi quale sia la larghezza, la lunghezza, la profondità e l’altezza, e conoscere l’amore di Cristo che sopravanza ogni conoscenza, affinché siate ripieni di tutta la pienezza di Dio.Or a colui che può, secondo la potenza che opera in noi, fare smisuratamente al di là di quanto chiediamo o pensiamo, a lui sia la gloria nella chiesa in Cristo Gesù per tutte le generazioni, nei secoli dei secoli. Amen” (Efesini 3:18-21).

*

 
Commenti disabilitati su L’AMORE DI UN VERO AMICO

Pubblicato da su 09/02/2011 in Brevi Riflessioni